• Home
  •  > Notizie
  •  > Schianto in Brasile, muore don Zanchetta

Schianto in Brasile, muore don Zanchetta

Il missionario 72enne di Codognè coinvolto in un incidente stradale a Riacho de Santana: doveva rientrare in patria

In un tragico incidente stradale in Brasile, la terra in cui aveva deciso di portare il suo dono di fede, ha perso la vita monsignor Giovanni Zanchetta, parroco 72enne originario di Codognè che da qualche anno si trovava in Sud America come missionario. La notizia è arrivata anche nel suo paese natale e nella diocesi di Vittorio Veneto, dove il vescovo Corrado Pizziolo lo aveva richiamato solo pochi mesi fa per far fronte alla crisi vocazionale nelle nostre parrocchie. Monsignor Zanchetta, però, era ancora tra i poveri del Sud America. Si sa poco dell’incidente automobilistico nel quale è rimasto coinvolto, e che si è verificato mercoledì mattina nei pressi della parrocchia brasiliana di Riacho de Santana, nello Stato di Bahia.

Per una tragica coincidenza, la scomparsa di don Zanchetta ricorda molto da vicino quella di don Aldo Lucchetta: un altro missionario partito da Codognè, e scomparso (il 28 marzo 1998) in seguito a un incidente stradale nella stessa zona del Brasile. I due, ora, riposeranno vicini nel cimitero di Riacho. Nato a Codognè il 2 febbraio 1942, Giovanni Zanchetta era stato ordinato a San Pietro (Roma) il 3 luglio 1966. Dopo aver servito per molti anni la sua parrocchia, nel 1999 si era trasferito in Brasile come missionario “fidei donum”, per promuovere opere di evangelizzazione e promozione sociale. Un’esperienza che aveva vissuto con grande dedizione, e che non mancava di raccontare quando i suoi impegni gli permettevano di tornare in Italia. In un incontro pubblico nella chiesa di Madonna delle Grazie, a Conegliano, aveva raccontato l’esperienza di “Casa Vida”, una struttura di accoglienza della parrocchia di Riacho nella quale, assieme ad altri sacerdoti, si preoccupava di dare cibo e riparo ai bimbi poveri del Brasile.

Il 21 agosto, il giorno dedicato alla memoria di San Pio X, il vescovo missionario Riccardo Brusati gli aveva comunicato la nomina, da parte di Papa Francesco, a Cappellano di Sua Santità (ossi “monsignore”), come ultimo rappresentante della diocesi di Vittorio in quella terra. Negli ultimi mesi, tuttavia, la sua esperienza di missionario sembrava volgere al termine. I funerali si sono svolti già ieri, a Riacho, mentre nella chiesa vecchia di Codognè, ieri sera, il vescovo ha celebrato una messa in suffragio.

Pubblicato su La Tribuna Di Treviso