• Home
  •  > Notizie
  •  > Trevigiano morto sulle Pale di San Martino: ecco chi era Antonello Peatini

Trevigiano morto sulle Pale di San Martino: ecco chi era Antonello Peatini

Classe 1957, Antonello Peatini era un volto notissimo a Treviso: residente a Canizzano, in via Giovanna d'Arco, da oltre due mandati è presidente provinciale della Fnaarc, organizzazione nazionale di categoria degli agenti e rappresentanti di commercio

TREVISO. Classe 1957, Antonello Peatini era un volto notissimo a Treviso: residente a Canizzano, in via Giovanna d'Arco, da oltre due mandati è presidente provinciale della Fnaarc, organizzazione nazionale di categoria degli agenti e rappresentanti di commercio, ruolo per il quale godeva della stima di colleghi e addetti ai lavori. E’ morto domenica 11 settembre durante un’escursione sulle Pale di San Martino, in Trentino, per un infarto. 

Era anche una guida alpina esperta, spesso dispensava consigli su come affrontare le insidie della montagna, l'ultima intervista risale a poche settimane fa, quando si era soffermato sui rischi della stagione estiva per chi pratica alpinismo e scialpinismo.

Negli anni scorsi è stato anche presidente del consiglio d'istituto del Duca e del comitato di residenti di Canizzano, intervenendo spesso sulle tematiche della sicurezza stradale nel suo quartiere. Infine, ma non meno importante, l'esperienza politica: nel 2018 si era candidato con la lista "Giovanni Manildo sindaco", a supporto del primo cittadino uscente: "Credo nella cooperazione e nell’associazionismo - aveva detto all'epoca - attento alla formazione dei giovani come istruttore di alpinismo, presidente di consiglio d’istituto, responsabile di una scuola di musica, presidente provinciale di Fnaarc agenti e membro del consiglio di amministrazione di Ascom TV".

Tantissimi i messaggi di cordoglio che stanno arrivando in queste ore. “Era una persona che aveva l’associazionismo nel cuore – ricorda il presidente di Ascom-Confcommercio Federico Capraro, “la notizia ci lascia senza parole, era una persona attivissima, piena di impegni. In montagna non avrebbe mai preso dei rischi”.  

Pubblicato su La Tribuna Di Treviso