• Home
  •  > Notizie
  •  > E’ morta Daniela Pradella, bidella dell’Itis Galilei e moglie del preside. Lutto a Godega

E’ morta Daniela Pradella, bidella dell’Itis Galilei e moglie del preside. Lutto a Godega

Originaria di Bibano di Godega, Daniela aveva iniziato a lavorare come collaboratrice scolastica nella sede vittoriese dell’istituto tecnico Galilei. In seguito il trasferimento nella sede di Conegliano, dove tra l’altro ha conosciuto anche quello che sarebbe poi diventato suo marito, Giuseppe Zava

GODEGA. Si è spento a 59 anni il sorriso di Daniela Pradella. Per oltre trent’anni è stata bidella all’Itis Galilei, prima nell’allora sede distaccata di Vittorio Veneto, e poi nell’istituto tecnico coneglianese.

Originaria di Bibano di Godega, Daniela aveva iniziato a lavorare come collaboratrice scolastica nella sede vittoriese dell’istituto tecnico Galilei. In seguito il trasferimento nella sede di Conegliano, dove tra l’altro ha conosciuto anche quello che sarebbe poi diventato suo marito, Giuseppe Zava.

L’uomo, professore di meccanica e macchine, è stato preside all’istituto superiore coneglianese di via Galilei per nove anni, dal 1995 al 2004.

Un amore nato proprio nel luogo di lavoro. Purtroppo nel 2019 la scoperta di un tumore al sangue. Daniela ha continuato a lavorare, con mansioni adeguate, ma sempre con passione e il sorriso sul volto. Era molto apprezzata e stimata a scuola.

Purtroppo tempo fa ha avuto del problemi al cuore e dopo un intervento a cuore aperto, non è riuscita a riprendersi nel post operatorio. Profondo il cordoglio tra Godega, in particolare Bibano, dove tutti conoscevano Daniela e nel mondo della scuola, in particolare all’Itis Galilei, dove ha lasciato un bel ricordo di sé in quanto sia professori che colleghi che alunni apprezzavano i suoi modi gentili e la sua solarità. Lascia il marito Giuseppe e il fratello Mauro. Il rito funebre si svolgerà domani alle 16.30 nella chiesa parrocchiale di Bibano, dove questa sera, martedì alle 20, sarà recitato il rosario. Eventuali offerte saranno devolute alla scuola dell’infanzia di Bibano. Dopo il funerale, ci sarà la sepoltura nel cimitero di Bibano. 

Pubblicato su La Tribuna Di Treviso