• Home
  •  > Notizie
  •  > Morta l’imprenditrice Donella Follador

Morta l’imprenditrice Donella Follador

A 58 anni lascia il marito Paolo Bisol, titolare della Spumanti Ruggeri, e i figli Giustino e Isabella. L’addio oggi a Biadene

MONTEBELLUNA. Si è spenta l'altro ieri, all'età di 58 anni, Donella Follador, imprenditrice agricola dopo essere stata in precedenza insegnante di filosofia alle scuole superiori. Era ammalata da alcuni anni e martedì il suo fisico ha ceduto. Era la moglie di Paolo Bisol, il titolare della Spumanti Ruggeri, una delle case vinicole più note nel settore delle bollicine. Donella Follador era originaria di Valdobbiadene e si era trasferita a Montebelluna dopo il matrimonio, da cui erano nati due figli: Giustino e Isabella. Abitava sul Montello, in via General Fiorone, dove ha sede anche l'azienda vinicola a lei intestata: la Kalliope azienda agricola. Prima di trasferirsi sul Montello la famiglia risiedeva a Villa Legrenzi, la dimora all'angolo tra via Santa Maria in Colle e via XXX Aprile. Donella era appassionata di ambiente e alla terra prestava tutta la sua cura e attenzione. Da una sua idea era nato ad esempio il Valdobbiadene d.o.c.g. Terre di Sant’Alberto, ricavato da vigne poste nel cuore delle colline di Valdobbiadene. Si era dedicata anche alla coltivazione di erbe officinali e alla riscoperta delle antiche ricette popolari dei vini medicati. Si era inoltre cimentata nella sperimentazione della coltivazione della vite con trattamenti omeopatici. Un’imprenditrice attenta all'ambiente e attenta alla tradizione della sua terra. Era la moglie di Paolo Bisol, che coi figli Giustino e Isabella guida la Spumanti Ruggeri, azienda fondata nel 1950 da Giustino Bisol, il padre dell'attuale titolare, una famiglia che vanta una secolare tradizione nonché profonde radici nella cultura vitivinicola del territorio di Valdobbiadene. E che all'attività imprenditoriale in campo vinicolo unisce anche attenzione al mondo della cultura. La notizia della scomparsa di Donella Follador si è diffusa ieri in città non appena sono apparse le epigrafi che annunciavano il funerale nonostante il riserbo tenuto dalla famiglia. E si è sparsa ben presto anche a Valdobbiadene, da dove era originaria l'imprenditrice agricola e dove hanno sede le attività della famiglia. Ha lasciato il marito Paolo Bisol e i figli Giustino e Isabella. I funerali saranno celebrati oggi alle 14.30 nella chiesa parrocchiale di Biadene, il quartiere dove abitava. Dopo la funzione religiosa la salma sarà avviata alla cremazione.

Pubblicato su La Tribuna Di Treviso