• Home
  •  > Notizie
  •  > Famoso ristoratore della Marca muore a 69 anni

Famoso ristoratore della Marca muore a 69 anni

Il 2020 si porta via un altro rappresentante eccellente della gastronomia trevigiana. Franco Zago era il titolare di Le Querce e aveva gestito anche il “Cacciatore” a Postioma

PONZANO.

È davvero un 2020 poco fortunato per la ristorazione trevigiana che perde un altro suo noto rappresentante: Franco Zago. Era titolare assieme alla moglie e ai figli del ristorante Le Querce di Ponzano Veneto e si è spento martedì presso la casa di riposo di Villa Tomasi all'età di 69 anni.

Avvicinatosi alla gastronomia fin da giovane, lavorando come gelataio in Germania, Franco, una volta rientrato in Italia, si è dedicato al mondo della pizzeria assieme alla moglie Tiziana, per poi seguire le orme dei pionieri della ristorazione trevigiana dapprima gestendo la trattoria Al Cacciatore di Postioma, per poi fondare con grande orgoglio il ristorante Le Querce di Ponzano, da qualche anno affidato ai figli Dario, Ermanno e Duska.

Conosciuto da molte persone per la sua grande passione per gli animali e per le piante, ma soprattutto per l'accoglienza e la convivialità che lo caratterizzavano, Franco amava circondarsi di persone e stare in compagnia.

«Nostro papà ci ha lasciato il suo esempio di persona ambiziosa, volonterosa di crescere e di migliorarsi, ma soprattutto il ricordo della sua grande generosità e il valore di aiutare sempre il prossimo, pur nel limite delle nostre possibilità», raccontano i figli assieme a mamma Tiziana.

La famiglia ringrazia la casa di riposo di Villa Tomasi, dove Franco viveva da quando le sue condizioni di salute si erano aggravate, per l'eccellente assistenza prestata anche in momenti di particolare difficoltà come quelli recentemente trascorsi.

La cerimonia funebre si terrà martedì 22 settembre alle ore 9.30 al palazzetto dell’oratorio retrostante la chiesa di Paderno. Per volontà della famiglia Zago, nell'occasione i presenti potranno donare un loro contributo all'associazione Advar. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Pubblicato su La Tribuna Di Treviso